POETRY

HOME

CONTACT

 

 

 

 

 

MUSICA PER GLI OCCHI E PER IL CUORE

Se anche tu sei a conoscenza di pensieri che in qualche modo sono legati alla tua vita, scrivili citando l'autore, se è possibile la provenienza, una casa editrice o discografica e fammeli avere qui: BOB

 

 

"Siamo tutti orsi polari" GEORGE LAKOFF, ALTERNET UNITED STATES

 

 

Non è correndo come pazzi che troverete la gioia" PICO YVER, THE NEW YORK TIMES

 

 

San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l'aria tranquilla arde e cade, perché si gran pianto nel concavo cielo sfavilla.
Ritornava una rondine al tetto: l'uccisero: cadde tra i spini; ella aveva nel becco un insetto:
la cena dei suoi rondinini.
Ora è là, come in croce, che tende quel verme a quel cielo lontano;
 e il suo nido è nell'ombra, che attende, che pigola sempre più piano.
Anche un uomo tornava al suo nido:
l'uccisero: disse: Perdono;
e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono.
Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano in vano:

 egli immobile, attonito, addita le bambole al cielo lontano.
E tu, Cielo, dall'alto dei mondi sereni, infinito, immortale,oh! d'un pianto di stelle lo inondi quest'atomo opaco del Male!" 10 AGOSTO, di GIOVANNI PASCOLI


" L'azzurro del cielo non è lo stesso dappertutto e il sole non splende ovunque allo stesso modo." MARJANE SATRAPI, TEHERAN E' LA MIA CASA

 

 

"Quali erano allora le consolazioni del capitalismo se mancava un pò di confort ?" HANIF KUREISCHI, SUNDAY TIMES

 

 

"Il sistema finanziario non si basa sulla fiducia ne sull'amore. Si basa sull'infedeltà." PETER KOSLOWSKI, NEU ZURCHER ZEITUNG, SVIZZERA

 

 

"Nulla mi ha impedito di leggere i padri del deserto, mungere le mie capre e ubriacarmi con i boscaioli." ANDRZEJ STASIUK, LIBERATION

 

 

"Non è correndo come pazzi che troveret la gioia". PYCO IVER, THE NEW YORK TIMES

 

 

" Avrebbero voluto spezzarsi la schiena e non sollevarsi mai da quell'inchino che li vedeva prostrati al loro pubblico. Poi la luce non fu più e l'applauso cominciò a sbiadire.

Sotto al palco la gente è ancora entusiasta ma sembra non sopportare di doversene stare lì stretta, gomito a gomito. E' un brulicare agitato che esplode e viene risucchiato dai vicoli, dai locali, dalla compagnia. Ogni dove può andar bene purchè sia facile affogare la mente in pensieri leggeri e frenetici. Di quelle ore passate assieme sotto al palco se ne parla già al passato.
E' quando la gente sgocciola fuori dalla piazza, riversandosi nelle vie della città, che posso mettere a fuoco le scene più belle, come attraverso un obiettivo pronto allo scatto.
In quel momento non è difficile raggiungere la transenna sotto il palco; posso sentire ancora il calore di chei era in questo stesso posto qualche minuto prima. Sulle assi di legno riposano le scalette stopicciate scritte a mano e i veri protagonisti della serata giacciono silenziosi, in balia di se stessi. Mani estranee cominciano a sollevarli, spostarli, voltarli, mutilarli.
Una volta è successo che il ragazzo uscisse ancora sul palco fino a raggiungere il suo posto ormai nell'ombra. Quella volta si era fermato con lo sguardo sulla piazza ormai quasi deserta. La soddisfazione luccicava anche da dietro la stanchezza dei suoi occhi... poi si era inginocchiato accanto alle sei corde e le aveva messe a riposare personalmente, con molta delicatezza."
GIULIA BRUNELLI < giuliabi23@gmail.com

 

 

Che cosa vuol dire addomesticare? E' una cosa da molto dimenticata, vuol dire "creare dei legami"...Creare dei legami? Certo, disse la Volpe. Tu fino ad ora per me non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te e neppure tu hai bisogno di me. Tu sarai per me unico al mondo e io sarò per te unica al mondo... Non si conoscono che le cose che si addomesticano, disse la Volpe. Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla, comprano dai mercanti le cose gia fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami!". ANTOINE DE SAINT-EXUPERY da "IL PICCOLO PRINCIPE"

 

 

"Tra fotografi si sente spesso questa frase..."si gira troppo a testa bassa e si perdono cosi troppe cose, troppi particolari." A me piace molto girare a testa bassa...si vedono meglio le gambe delle signorine." BOB SPILLANE da "ANCORA DA SCRIVERE" ediz. Nessuna

 

"En sommarflicka è il mio nuovo progetto solista, musica per plaid infeltriti e mollette per il bucato, realizzato da Alessandro Paderno. Il primo lavoro uscirà allegato al book realizzato in occasione della personale di A NEW START: Pictures from the daily - Le mie architetture - Splendeur Terreur  verrà proposta dal 28 Ottobre al 18 Novembre, presso la Galleria Marchina Arte Contemporanea a Brescia. Entro la fine dell'anno uscirà poi un CD-R con 4 pezzi per una etichetta segretissima (la musica di sottofondo è uno stralcio di musica per plaid infeltriti)."  www.lumiereelectrique.com

 

"Quante cose si possono fare nella vita! Invece di andare a comprarsi un paio di scarpe, si può andare a ritrovare la cugina in Thailandia. Ti fa pensare no, che anche adesso volendo, si possono fare cose interessanti. Non dico diventare un grande atleta e neanche un politico famoso, dico una vita vissuta nel quotidiano, facendo cose interessanti." TIZIANO TERZANI da "LA FINE E' IL MIO INIZIO" ediz. Longanesi

 

"Ancor più che fuori, le cause della guerra sono dentro di noi. Sono in passioni come il desiderio, la paura, l'insicurezza, l'ingordigia, l'orgoglio, la vanità... Dobbiamo cambiare atteggiamento. Cominciamo a prendere le decisioni che ci riguardano e riguardano gli altri sulla base di più moralità e meno interesse. Facciamo più quello che è giusto, invece di quel che ci conviene. Educhiamo i nostri figli ad essere onesti, non furbi. 
È il momento di uscire allo scoperto; è il momento di impegnarsi per i valori in cui si crede. Una civiltà si rafforza con la sua determinazione morale, molto più che con nuove armi."
TIZIANO TERZANI da "LETTERE CONTRO LA GUERRA" ediz. Longanesi

 

"avevo un sogno eterno un giorno uscire e salutare uno ad uno uscire ad ascoltare uno per uno dando quel poco di tutto che abbiamo. Ma non è un sogno è la mia rivoluzione no non è un sogno è la mia rivoluzione a colpi di grazie...è l'unica abbondanza che ci può saziare." MARCO PARENTE da "TRASPARENTE" 2002 Mescal

 

"L'andamento della mia vita - di artista quanto meno - può essere tracciato con la precisione di un grafico della febbre: gli alti e i bassi, i ben definiti cicli.
Ho cominciato a scrivere a otto anni: di punto in bianco, senza un esempio ispiratore. Non avevo mai conosciuto qualcuno che scrivesse, anzi conoscevo pochi che leggessero. Ma sta di fatto che solo quatto cose mi interessavano: leggere libri, andare al cinema, ballare il tip tap e fare disegni.
Poi un giorno mi misi a scrivere, ignorando di essermi legato per la vita a un nobile ma spietato padrone. Quando Dio ti concede un dono, ti consegna anche una frusta; e questa frusta è intesa unicamente per l'autoflagellazione.
Ma ovviamente non lo sapevo. Scrivevo storie di avventure, racconti gialli, scenette comiche.
Episodi che mi erano stati narrati da ex schiavi e da reduci della Guerra Civile. Era molto divertente, all'inizio. Smise di esserlo quando scoprii la differenza tra scrivere bene e scrivere male, e poi feci una scoperta ancor più allarmante: la differenza tra un ottimo stile e la vera arte; è sottile ma feroce. E allora calò la frusta!"
TRUMAN CAPOTE da "MUSICA PER CAMALEONTI"

 

"La fotografia è la possibilità di un racconto della vicenda umana. E' una certa maniera di vedere le cose, di leggere, di pensare, di situarsi nel confronto del mondo." FERDINANDO SCIANNA da "OBBIETTIVO AMBIGUO" ediz. Rizzoli

 

"Io sono uno che parla troppo poco, questo è vero, ma nel mondo c'è già tanta gente, che parla, parla, parla sempre, che pretende di farsi sentire, e non ha niente da dire." LUIGI TENCO da "TENCO" 1966 Rca

 

"Mi sono innamorato di te perchè non avevo niente da fare il giorno volevo qualcuno da incontrare la notte volevo qualcuno da sognare." LUIGI TENCO da "LUIGI TENCO" 1962 Ricordi

 

"Non ricordo una persona che non mi son fatto." KEITH HARING pronunciò questa frase durante una festa alla FACTORY di ANDY WARHOL

 

"Ho quella disperata sensazione che niente abbia senso. Allora decido di innamorarmi, ma è troppo difficile. Voglio dire, pensi costantemente a una persona ed è soltanto fantasia, non è reale, e poi diventa una cosa così coinvolgente, devi vederla di continuo e va a finire che è un lavoro come un altro." ANDY WARHOL aforismi mai scritti

 

"Io porto la mia macchina fotografica ovunque vada. Avere un nuovo rullino da sviluppare mi dà una buona ragione per svegliarmi la mattina." ANDY WARHOL aforismi mai scritti

 

"I'll be your mirror, reflect what you want." VELVET UNDERGROUND da THE VELVET UNDERGROUND & NICO 1967 Verve Records

 

"Sono certo che guardandomi allo specchio non vedrei nulla. La gente dice sempre che sono uno specchio, e se uno specchio si guarda allo specchio che cosa può trovarci?" ANDY WARHOL aforismi mai scritti

 

"Dipingerò quanto potrò, per quante persone potrò, per quanto a lungo potrò." KEITH HARING aforismi mai scritti

 

"Allora Almitra di nuovo parlò e disse: che cos'è il matrimonio, maestro? E lui rispose dicendo: voi siete nati insieme e insieme starete per sempre. Sarete insieme quando le bianche ali della morte disperderanno i vostri giorni. E insieme nella silenziosa memoria di Dio. Ma vi sia spazio nella vostra unione, e tra voi danzino i venti dei cieli. Amatevi l'un l'altro, ma non fatene una prigione d'amore: piuttosto vi sia un moto di mare tra le sponde delle vostre anime. Riempitevi l'un l'altro le coppe, ma non bevete da un'unica coppa. Datevi sostentamento reciproco, ma non mangiate dello stesso pane. Cantate e danzate insieme e state allegri, ma ognuno di voi sia solo, come sole sono le corde del liuto, benché vibrino di musica uguale. Donatevi il cuore, ma l'uno non sia di rifugio all'altro, poiché solo la mano della vita può contenere i vostri cuori. E siate uniti, ma non troppo vicini; le colonne del tempio si ergono distanti, e la quercia e il cipresso non crescono l'una all'ombra dell'altro." KAHILIL GIBRAN

 

"Non mi interessa l'immortalità, solo il gusto del té." LAO TZU

 

"Non c'è alcuna soluzione, perchè non c'è nessun problema." Marcel Duchamp, artista

 

"Delle donne non vince quella che rincorre nè quella che scappa. Vince invece quella che aspetta." Elias Canetti, scrittore

 

"Gli scrittori più originali dei nostri giorni non sono quelli che portano qualcosa di nuovo, ma quelli che sanno dire cose risapute come se non fossero mai state dette. " Johann Wolfgang Goethe, da "Massime riflessioni"

 

"Siamo tutti realisti nelle cose che ci riguardano da vicino e idealisti quando si tratta degli interessi altrui." Kahilil Gibran, scrittore

 

"Ma perchè l'ingiustizia non è uguale per tutti?" Sandro Bajini, scrittore

 

"Alla donna piace l'uomo taciturno, perchè crede che l'ascolti." Andrè Suarès, scrittore

 

"Nella vita come in tram: quando ti siedi è il capolinea." Camillo Sbarbaro, poeta

 

"Noi dobbiamo considerare il tempo come ciò che conduce all'uomo e non l'uomo come creatore del tempo." Ilya Prigogine, scienziato

 

"Ci piacerebbe una religione portafortuna. Purtroppo però, il segno del cristianesimo non è un quadrifoglio, ma una croce." Paul Caludel, scrittore

 

"La natura è fantastica. Un miliardo di anni fa non avrebbe mai sospettato che tutto noi avremmo portato gli occhiali da sole, eppure ci ha fatto le orecchie!" Milton Berle, aforismi

 

"Da piccolo i miei mi mandavano in una colonia di bambini cosi poveri che sulla spiaggia, invece dei castelli, facevamo le case popolari di sabbia." Mario Zucca, aforismi

 

"Ho fatto un terribile scherzo alle Ferrovie. Ho acquistato un biglietto andata e ritorno Roma-Firenze e poi non son tornato." Ettore Petrolini, aforismi

 

"L'inverno più freddo che abbia mai trascorso è stata un'estate a San Francisco." Mark Twain, aforismi

 

"Un tornado si è abbattuto ieri nei bassifondi di Los Angeles e ha causato dieci milioni di dollari di migliorie." Milton Berle, aforismi

 

"Noi farfalle si vive un giorno solo e quando son le sei di sera si han già le palle piene." Francesco Tullio Altan, aforismi

 

"Al largo di Pago-Pago ho raccolto un naufrago che mi ha detto: <Grazie-grazie>." Gino Patroni, aforismi

 

"Finirai per trovarla la via...se prima hai il coraggio di perderti." Tiziano Terzani, da "Un altro giro di giostra" ediz. Longanesi

 

"Ho visto i platani parlare con le antenne e il vento caldo confermare tutto, i treni  e le radici scambiano segnali in codice e ho sentito nettamente bisbigliare i cani. Possibile che mentre dominiamo tutto, ricostruiamo tutto e distruggiamo tutto, perdiamo la memoria e non ne sentiamo la mancanza e intento i pesci continuano a nuotare, quanti libri nell'acqua per non affogare mentre noi, siamo tesi a moltiplicare tutto, noi siamo tesi a moltiplicare tutto, non riusciamo a considerare che le nuvole ci guardano e i mari ci controllano, le piante si difendono e i libri ci feriscono perchè manchiamo della necessaria dignità." Paolo Benvegnù, da "Piccoli fragilissimi film" 2003 Santeria/Stoutmusic

 

 

d